Rabbia, Sentimento, Perdono

Ovvero

la Via della Libertà

 

– Che cosa è per te la rabbia e cosa significa per te arrabbiarti.

– Cosa ti fa arrabbiare.

– Come ti arrabbi.

– Quanto sei arrabbiato e quanto resti nella rabbia a rimuginare, per giorni,

su quello che avresti detto e non hai detto e cerchi una rivalsa.

– Quante volte hai detto non mi fare arrabbiare altrimenti spacco tutto

o faccio un casino.

– Quanta violenza useresti per esprimere la tua rabbia.

 

Ho iniziato la descrizione di questo percorso partendo dal porti alcune domande che sono importanti per farti osservare che c’è una sostanziale differenza tra l’emozione della rabbia, il suo sentimento e la sua espressione.

Fin da piccoli abbiamo imparato che quando qualcuno si “arrabbiava” iniziava a urlare, rompere oggetti e, in molte occasioni, a colpire persone e cose.

Quante volte hai sentito la frase “…guarda che poi si arrabbia…”.

Sono sicuro che è un conto impossibile da fare.

Bene. Voglio dirti cosa ho scoperto, compreso e studiato, durante 40 anni di lavoro, la rabbia ricevuta e data.

Quello che hai vissuto come rabbia e/o arrabbiatura, sia tua verso gli altri e sia degli altri verso di te, ha un nome e cognome ben preciso.

Si chiama VIOLENZA e talvolta ABUSO. Sì, esattamente così.

Ciò che hai visto e imparato fin da piccolo, è violenza agita, denominata rabbia.

La Rabbia è un’energia forte, capace di rompere gli schemi ed è una forza che permette a chi l’agisce in modo sano di stabilire con certezza limiti e confini.

Sono certo che nella tua vita ti è sicuramente capitato di vedere una persona veramente arrabbiata in modo sano e so, che avrai certamente compreso, che quella era una vera comunicazione efficace.

Infatti, se ricordi bene, avrai osservato che la persona in questione è rimasta ferma sul posto, non ha agito contro niente e nessuno, ha usato la voce e la sua determinazione e la sua comunicazione sono state assolutamente efficaci.

In ultimo, sono certo che ricordi perfettamente di aver compreso e capito che era stato fatto un qualcosa che aveva ferito la persona e che la tua attenzione è stata vigile e in ascolto, ma soprattutto NON TI SEI SPAVENTATO.

Prova a ricordare ora quando hai assistito o subito una rabbia violenta. Il primo istinto, sone no sicuro, è stata la paura, TI SEI SPAVENTATO.

Avrai sicuramente avuto voglia di fuggire e di gridare a tua volta per difenderti o per evitare qualsiasi aggressione. Eri così occupato ad avere paura che non ricordi neanche cosa è stato detto. Hai solo compreso che quella cosa era meglio non farla più, ma il vero motivo ti è sicuramente ancora sconosciuto.

In conclusione hai (anzi abbiamo tutti) imparato a confondere la rabbia con la violenza.

Tutti i film di azione portano in sé la rabbia a fronte di un torto subito e quest’ultima è ovviamente collegata alla violenza e alla vendetta, talvolta esagerata, con l’effetto di causare altra violenza e altra vendetta.

So che questo purtroppo avviene anche in molte delle tue relazioni, siano esse intime o professionali.

Attraverso gli anni di studio e di lavoro su me stesso per comprendere questo grande problema che ci affligge, sono arrivato alla determinazione di creare un percorso Didattico Esperienziale ed Emotivo che ti accompagni al riconoscimento ed alla comprensione di come e quando in te scatta la rabbia.

Cosa la provoca e come, quando e quanto invalida le tue relazioni.

Scoprire e ricordare dove, come e da chi hai imparato a confondere e mischiare il tutto.

È necessario entrare nel prima e nel dopo della tua rabbia e comprendere che ha un preciso inizio, così da imparare a separare la rabbia dalla violenza e dall’abuso. Separarle e gestirle ti consentirà di contattare i tuoi sentimenti interni che influiscono sulle tue relazioni quotidiane quale esse siano.

La rabbia è un’energia potente e saperla gestire, agire e comunicare in modo sincero ed efficace ti metterà nella migliore condizione di farti ascoltare e comprendere da chi ami e stimi.

Passato attraverso il riconoscimento e lo scioglimento tra rabbia e violenza e conosciuti i sentimenti che lo caratterizzano e lo identificano, puoi e possiamo passare al PERDONO.

Il perdono che io intendo è laico ed è lontano dai concetti e dalle espressioni cattoliche, cristiane o religiose, che rispetto e lascio alla totale esperienza di chiunque.

Il perdono che intendo io e dentro il quale ti accompagnerò, è la possibilità per te di PERmetterti di DOnarti un regalo che è dire NO alla violenza mistificatrice della rabbia.

È questo quello che io intendo per perdono.

 

La tua/nostra capacità di donarti e donare un nuovo finale ai conflitti e alle rimostranze in una relazione, così da essere libero dal rancore, dall’astio, dal rimuginamento e dalla vendetta.

Per questo risultato l’unica cosa che c’è da fare è l’essere sinceri.

Più sarai sincero verso i tuoi sentimenti e li accoglierai senza autogiudizio e senza rancore verso te stesso, più la capacità di separare rabbia, violenza e abuso sarà facile e veloce.

Perdonare rende liberi.

La rabbia, l’odio, il rancore e la vendetta sono e saranno sempre la più alta forma di simbiosi e di dipendenza che una persona possa avere e frequentare nella propria vita.

Mi rivolgo, quindi, a te che percepisci sempre più forte il BISOGNO di dire BASTA a quel tipo di rabbia invalidante e che vuoi CAMBIARE il cosiddetto “FINALE”.

Mi rivolgo a te che nelle tue relazioni, nella tua comunicazione e nella tua vita ti trovi “per l’ennesima volta” nella stessa situazione rabbiosa.

Mi rivolgo a te che intendi migliorare e/o totalmente cambiare le tue relazioni conflittuali e invalidanti all’interno di qualsiasi tuo ambiente quotidiano.

Sarà un percorso affascinante, impegnativo, emozionante ed appagante.

Il messaggio che io voglio comunicarti con il mio progetto RABBIA, SENTIMENTO PER.DO.NO di “Imparando Controvento” è quello del Cambiamento Consapevole e del raggiungimento di una libertà dalla paura e dal continuo ripetersi schemi, credenze e convinzioni errate.

Questo può avvenire solo se, partecipando, imparerai a conoscere come funzioni, imparando a smettere di giudicarti e di giudicare.

Il mio desiderio è quello di far scattare in te, nella tua testa e nel tuo cuore la necessità, il bisogno, la curiosità, la novità, l’opportunità e per questo, talvolta, userò un linguaggio molto emozionale, emozionante e provocatorio e so che correrò il rischio di spaventarti.

Il progetto RABBIA, SENTIMENTO PER.DO.NO di “Imparando Controvento” è per te che hai voglia, desiderio e bisogno di cambiare e, quindi, sei disposto a “Bruciare le Navi”

È un Laboratorio Didattico Esperienziale ad alto contenuto emotivo e di divertimento.

La parte didattica ha come riferimento le tecniche di Counseling, Coaching e di Gestalt Integrato e per l’occasione questi modelli saranno attentamente rivisitati togliendo la parte clinica psicologica e lasciando spazio solo a quelle parti finalizzate alla conoscenza delle proprie caratteristiche e capacità.

Pur piccola e in erba, la struttura di “Imparando Controvento” è composta da persone professionali, competenti ed esperte.

È la nostra sfida, il nostro progetto e… se hai compreso e percepito nel tuo cuore la necessità, il bisogno, la curiosità, la novità e l’opportunità di affrontare il TUO CAMBIAMENTO allora il progetto RABBIA, SENTIMENTO PER.DO.NO di “Imparando Controvento” è per TE e se lo vorrai potrai salire a bordo.

Andremo avanti “Imparando Controvento”

SESSIONI

Roma – 13 e 14 ottobre 2018 – Primo Passo

Bologna – 10 e 11 novembre 2018 – Primo Passo

Roma – 17 e 18 novembre 2018 – Secondo Passo

Anzola dell’Emilia (BO) – 22 novembre 2018 presso Beauty by Passing

Bari – 30 novembre e 1 dicembre 2018 – Secondo Passo

Brescia – 27 gennaio 2019 – Primo Passo

Torna in alto